Incinta in meno tempo grazie alla luce del sole

Il meteo – o più precisamente: l’intensità della radiazione solare – ha un forte influsso sulla fertilità femminile. La luce del sole inibisce la secrezione di melatonina. Questo ormone del sonno fa sì che quando diventa buio subentri la stanchezza. Per contro durante il giorno la produzione dell’ormone diminuisce. Chi si espone poco al sole o trascorre molto tempo in ambienti con poca luce presenta un livello di melatonina costantemente alto.

La conseguenza della mancanza di luce solare: di giorno si è stanchi, mentre di notte il ritmo del sonno subisce frequenti interruzioni. Pertanto la produzione di altri ormoni, come ad esempio dell’ormone sessuale estrogeno, è alterata. Anche la rigenerazione del corpo risente dei disturbi del sonno. La fertilità naturale è ridotta.

Analogamente si comporta pure la vitamina D. Il corpo può infatti produrla esclusivamente con l’aiuto della luce solare. Il 20 percento di tutti gli svizzeri soffre di carenze croniche di vitamina D. Nella stagione buia un apporto carente si osserva addirittura nel 60 percento della popolazione. La vitamina stimola il metabolismo e il ricambio cellulare. La sua carenza influenza negativamente anche la fertilità.

Se si desidera concepire un figlio è quindi consigliabile trascorrere ogni giorno del tempo all’aperto. Per prevenire la carenza di vitamina D spesso sono sufficienti 20 minuti. Inoltre per aumentare la fertilità val la pena assumere nutrienti aggiuntivi.

L’integratore alimentare Proxeed®Women, che contiene vitamina D, apporta al corpo nutrienti importanti per aumentare le possibilità di una gravidanza naturale. Al prodotto.